Translate

domenica 21 maggio 2017

Consip, strano giro di soldi "Dal Pd all'azienda dei Renzi"

Tiziano avrebbe procurato al sindaco di Rignano 10mila euro, poi finiti in consulenze alla sua Eventi

Non c'è pace a casa Renzi. Matteo ha provato a ribaltare il tavolo dell'inchiesta Consip, ponendo come «questione vera» non tanto le intercettazioni «rubate» tra lui e il babbo Tiziano né il loro contenuto, ma piuttosto una domanda: «Ci sono stati o no pezzi di istituzioni che hanno creato prove false contro un rappresentante delle istituzioni»? I pasticci e i lati oscuri soprattutto sul fronte napoletano dell'indagine, in effetti, sembravano offrire campo al contrattacco dell'ex premier, libero di rimarcare le gravi anomalie emerse nella gestione dell'inchiesta.
Se non fosse che, però, proprio da Rignano si moltiplicano i colpi di scena. L'ultimo ha l'odore dei soldi e l'indirizzo della Eventi6, società di famiglia dei Renzi, che avrebbe incassato denaro destinato al Pd.
Tutto salta fuori quando il Corriere della Sera va a Rignano ad analizzare i riflessi sul voto nel feudo renziano dei veleni dell'inchiesta Consip. E tra la fronda contro il sindaco uscente Daniele Lorenzini, eletto col Pd e ora candidato contro i dem - oltre che teste «scomodo» per Tiziano Renzi, avendo raccontato ai pm che il babbo del segretario Pd era spaventato - ecco l'ex autista del camper di Renzi alle primarie, Billy, mostrarsi scettico rispetto alle distanze prese da Lorenzini nei confronti di Carlo Russo, l'imprenditore di Scandicci coindagato con Tiziano per traffico di influenze, che il primo cittadino avrebbe messo a verbale di non conoscere. Billy sostiene invece che Lorenzini da Russo ha pure preso soldi per la sua campagna elettorale alle Regionali del 2015. E Lorenzini, sul punto, non smentisce ma precisa. Ammette di aver incassato 10mila euro di finanziamento (regolarmente denunciato e iscritto in bilancio) ma aggiunge un dettaglio che non ha riferito nemmeno agli inquirenti. Ossia che quei soldi erano destinati al Pd nazionale, e che è stato Tiziano Renzi a intervenire sul partito (nel 2015 già guidato dal figlio Matteo) per deviarli sulle Regionali e metterli dunque a disposizione della campagna elettorale di Lorenzini. Il quale aggiunge, ancora, di averli spesi con un unico fornitore. Non uno qualsiasi, bensì la Eventi6 dei Renzi: la società dove lo stesso ex premier aveva lavorato sarebbe stata la destinataria finale dei 10.400 euro targati Pd. E il sindaco conclude ricordando che, quando il mandatario del Partito democratico chiese all'azienda finanziatrice i documenti da inviare alla Corte d'appello, venne indirizzato a parlare non con la società che aveva sborsato i soldi - che si chiama Securtrak - ma con Carlo Russo, che da intermediario procurò i documenti richiesti.
Il colpo di scena innesca il capogruppo in Regione Toscana di Fdi, Giovanni Donzelli, che chiede chiarezza e annuncia sul tema un'interrogazione in regione per domani. «Se è vero, come ha dichiarato il sindaco di Rignano, che il Pd ha pagato per le regionali 2015 10.400 euro alla Eventi6, saremmo di fronte alla prova che Carlo Russo avrebbe usato il Pd per far arrivare soldi nelle casse della famiglia Renzi». Già nelle intercettazioni dell'indagine, ricorda poi l'esponente di Fratelli d'Italia, era emersa la richiesta proprio da parte di Carlo Russo all'imprenditore partenopeo Alfredo Romeo di finanziare con 70-80mila euro il Pd toscano. E anche sulla destinazione di quella cifra Donzelli aveva presentato un'interrogazione. Ora un nuovo capitolo, che apre altri scenari il cui meccanismo «se accertato», chiosa Donzelli, coordinatore dell'esecutivo nazionale di Fdi, «sarebbe un fatto gravissimo, in un quadro dell'inchiesta Consip che già presenta molti aspetti inquietanti».
fonte http://www.ilgiornale.it/news/politica/consip-strano-giro-soldi-pd-allazienda-dei-renzi-1399801.html

Massoneria? Un mistero solo per le facce di bronzo della Tv

La massoneria è un potere forte, anzi fortissimo: peccato che sui giornali e nei talkshow televisivi si preferisca il pettegolezzo sulla piccola massoneria nostrana, ignorando deliberatamente l’unica fonte che, in Italia, ha messo nero su bianco nomi e cognomi della supermassoneria internazionale, quella che conta. Supermassoneria conservatrice, alla quale appartiene lo stesso neopresidente francese Emmanuel Macron: e alla medesima porta «hanno ripetutamente bussato sia Matteo Renzi che l’ex direttore del “Corriere”, Ferruccio De Bortoli, lo stesso che ora (nel libro “Poteri forti”) polemizza con Renzi evocando l’ombra della massoneria toscana su Maria Elena Boschi e Banca Etruria». Gioele Magaldi, autore del bestseller “Massoni” (Chiarelettere), dalle pagine web di “Affari Italiani” si rivolge direttamente «ai vari Lilli Gruber, Giovanni Floris, Luca Telese, Corrado Formigli, Enrico Mentana, Gianluigi Paragone, Bruno Vespa». Giornalisti e frontman che, «con rara faccia di bronzo, in questi anni hanno parlato di qualsiasi tematica attinente da vicino o da lontano la massoneria e il potere, ma si sono scientificamente cimentati nella censura e nella rimozione del libro “Massoni”, nonostante la grande diffusione del volume in Italia e all’estero».
La polemica tra De Bortoli, Boschi e Renzi su Banca Etruria «è una vicenda piena di ipocrisia, doppi e tripli sensi, surrealtà e vecchi rancori», afferma Magaldi. La Boschi? «Ha fatto bene a interessarsi del possibile salvataggio di Banca Etruria, essendo Lilli Gruberuna parlamentare del territorio dove la banca operava». Semmai, «ha fatto male a negare di averlo fatto: una brutta abitudine, quella di negare l’evidenza, che l’accomuna spesso allo stesso Renzi». Quanto alla telefonata tra i due Renzi, padre e figlio, intercettata dagli inquirenti e poi pubblicata dal “Fatto Quotidiano”, per Magaldi si tratta di «una pantomima», nella quale il figlio tratta il padre, Tiziano, «apparentemente in modo rude e con tono inquisitorio». Secondo Magaldi «si tratta di un’operazione preventiva, per poter un giorno utilizzare questa scenetta quale dimostrazione dell’assoluta estraneità di Matteo ai maneggi e alle relazioni “pericolose” del padre». Peccato, però, che il sistema di potere di cui Renzi junior ha beneficiato nella prima parte della sua ascesa, aggiunge Magaldi, si sia fondato «anche su tutta una serie di rapporti con personaggi toscani (alcuni massoni e altri no) collegati agli interessi imprenditoriali ed economici di Renzi senior, all’interno di un più complessivo groviglio di legami tra politica, istituzioni e cenacoli privati alla ricerca di profitti, tra Firenze e territori contigui».
Massoneria e banche? Senz’altro: si tratta di un rapporto «storicamente evidente». Vale anche per Banca Etruria, «benemerita banca dedita al credito popolare», fondata da massoni e a lungo «ottimamente gestita dal “fratello” massone Elio Faralli», prima che subentrassero quelli che Stefano Bisi, gran maestro del Grande Oriente d’Italia, chiama “bischeri”, massoni e non. «Ma in tutta questa vicenda – insiste Magaldi su “Affari Italiani” – il personaggio più in malafede appare proprio Ferruccio De Bortoli». Un giornalista che, sempre secondo Magaldi, «durante tutta la sua carriera ha sempre cercato di essere ammesso ai salotti più esclusivi dell’aristocrazia massonica euro-atlantica». Solo che «non c’è mai riuscito», come del resto lo stesso Renzi, «da anni aspirante apprendista massone presso superlogge sovranazionali, visto che le amicizie massoniche di medio-Renzi, padre e figliobasso calibro del padre Tiziano potevano essere buone per arrivare a governare la Provincia e il Comune di Firenze, ma non erano e non sono certo sufficienti a puntellare e a consolidare la traiettoria nazionale e internazionale delle ambizioni renziane».
Sia De Bortoli che Renzi, aggiunge Magaldi, hanno spesso sfiorato l’accesso al “salotto buono”: «In tempi diversi, tra diverse Ur-Lodges presso cui hanno “bussato” (mediante intermediari), si sono trovati entrambi a un soffio dall’essere accolti dalla superloggia moderata “Atlantis-Aletheia”», una “officina” internazionale di cui peraltro fa parte «il massone Emmanuel Macron, neoeletto presidente francese». Incongruenza tutta italiana: «Trovo davvero ipocrita che De Bortoli si metta a cianciare in stile genericamente antimassonico di rapporti tra “massoneria e banche”, riguardo alla vicenda Etruria, ma si sia sempre guardato bene (al pari di quasi tutto il sistema giornalistico italiano) dall’evocare la questione della responsabilità che hanno avuto massoni neoaristocratici come Mario Draghi e Anna Maria Tarantola (all’epoca ai vertici di Bankitalia) nella pessima gestione del Monte dei Paschi di Siena, con riferimento sia all’acquisizione di Banca Antonveneta che ad altre non meno scabrose questioni». Non solo: «Trovo gravissimo – aggiunge Magaldi – che in contesti come la trasmissione “Otto e Mezzo” condotta da Lilli Gruber, così come in altri talk-show televisivi italiani, venga data occasione a De Bortoli e ad altri di pontificare genericamente di legami tra massoneria e banche, massoneria e affari, massoneria e poteri opachi o poteri forti, senza che nessuno si sia mai preso la briga di citare e discutere le Gioele Magaldiprecise informazioni e le puntualissime narrazioni (con nomi, cognomi, sigle, date e circostanze) degli intrecci tra la “libera muratoria” e il potere contenute nel libro “Massoni. Società a responsabilità illimitata”», edito già a fine 2014.
Lilli Gruber – ed altri suoi colleghi del piccolo schermo – invitano “cani e porci”, «inesperti di questioni latomistiche o carichi di veleni antimassonici per qualche mancata affiliazione», a parlare di massoneria e potere in televisione, presentando «miriadi di libri privi di reale interesse per la pubblica opinione», ma al tempo stesso «evitano come la peste», anzi «censurano da anni» le straordinarie rivelazioni del libro “Massoni”, appena sbarcato anche in Spagna e Sud America, e di cui sta per uscire il sequel, significativamente intitolato “Globalizzazione e massoneria”. Perché dunque rifiutarsi di far approdare nel mainstream una precisa lettura del legame tra massoneria e potere, in primis in ambito finanziario? Forse perché quegli stessi media mainstream, «da qualche decennio, e non solo i Italia, sono in buona parte caduti nelle mani di ambigui segmenti massonici “contro-iniziatici”, traditori dei valori progressisti di libertà, uguaglianza e fratellanza che contraddistinguono da secoli l’autentica “libera muratoria”». Meglio allora evitare che il pubblico televisivo condivida “la scoperta delle Ur-Lodges”, cioè le 36 superlogge mondiali che rappresentano il “back office” del vero potere. Inclusa la “Atlantis Aletheia”, quella di Macron: la superloggia che, secondo Magaldi, si sarebbe rifiutata finora di accogliere i “bussanti” De Bortoli e Renzi.
fonte http://www.libreidee.org/2017/05/massoneria-un-mistero-solo-per-le-facce-di-bronzo-della-tv/

CONTRO LA DITTATURA DEI VACCINI







di Gianni Lannes

Dallo Stato di diritto allo Stato di Polizia: così si scivola nella dittatura. Inoculare 12 vaccini obbligatoriamente ad un bimbo. Un trattamento sanitario forzato multiplo su un soggetto in salute e in assenza di alcuna epidemia è un crimine contro l’umanità. Accade in Africa? No, nel terzo mondo dell’Europa, ovvero l’ Italia un paese privo di sovranità in compenso imbottito di subalternità, una colonia nordamericana dal 3 settembre 1943, ovvero dalla firma dell’armistizio corto di Cassibile. E’ in corso un esperimento di eugenetica su grande scala: l’infanzia italiana è una cavia gratuita. La libertà di scelta è un diritto costituzionale, ma comunque via la patria potestà ai genitori che non fanno marchiare i loro figli per debilitarli e renderli clienti a vita delle medicine. Neanche Hitler e Mussolini sono arrivati a tanto. Sulla salute però neanche lo Stato (che vanta il monopolio legalizzato della violenza) può abusare o lucrare. Il governo Gentiloni minaccia pargoli, famiglie e genitori. Ma con quale diritto se non con un abuso di potere intollerabile? 50 dosi suddivise per dodici vaccini - contenenti alluminio, formaldeide e mercurio - in breve tempo per potere iscrivere in Italia propri figli alla scuola dell’obbligo, pubblica e privata. Così hanno stabilito a Washington il 29 settembre 2014. Perché l’Italia deve essere subalterna a logiche affaristiche straniere prive di fondamento scientifico? E’ una follia unica al mondo che annienta la libertà, calpesta il buon senso e viola leggi e normative vigenti. Evidentemente qualcuno ai piani alti vuole scatenare una guerra civile nel belpaese e forse distogliere l’attenzione generale da qualche porcata ben peggiore. 

Personalmente sono già pronto a combattere a qualsiasi livello anche sacrificando la mia vita, per difendere concretamente neonati, bambini e adolescenti. Tanti genitori non hanno intenzione di rinunciare alla salute dei propri figli per l'ignoranza ed il parassitismo dei politicanti italidioti (inclusi gli onorevoli grullini), nonché dei medici arraffasoldi e senza umanità (il comparaggio è una pericolosa patologia da debellare). Troveremo anche qui tanti Rolex?



In tanti pensano che il decreto riguardi solo i bimbi non vaccinati ma non è così: anche alle famiglie che hanno vaccinato i propri bimbi con l'esavalente, viene ora chiesto di iniettare loro altri 6 vaccini, senza contare i richiami fino ai 16 anni. Il decreto legge Lorenzin, licenziato il 19 maggio 2017 dal consiglio dei ministri dopo una campagna di propaganda portata avanti da un governo tricolore ineletto dal popolo sovrano, riguarda tutti, non solo chi ha posizioni di precauzione riguardo ai vaccini.
Una porcata all’italiana per rastrellare una manciata di voti, per prostituirsi a big pharma e salire sul carrozzone dell’opportunismo in violazione di ben 6 articoli della Costituzione Repubblicana Italiana (2, 13, 21, 30, 32 e 33), dei pronunciamenti della Corte Costituzionale, della Convenzione di Oviedo (recepita con la legge 145/2001) e del DPR 355/1999, nonché la Dichiarazione universali dei diritti dell’uomo.

Adesso cosa faranno conseguenzialmente? A logica mi auguro che si vieti l’accesso anche in chiese, cinema, supermercati e quant’altro… mi aspetto che si estenda l’obbligo anche a insegnanti, bidelli, educatori, qualunque adulto insomma, perché chi lo dice che siano i bambini gli unici untori? E parimenti mi aspetto che i turisti provenienti dalle nazioni civili in cui non esiste alcun obbligo vaccinale siano bloccate alla frontiera, se sprovviste dei documenti comprovanti vaccinazioni e richiami.

Questo decreto sui vaccini è intollerabile per la sua violenza autoritarismo e ignoranza. 12 vaccini obbligatori tra cui il morbillo la rosolia e la parotite oltrechè quello sull'epatite B voluto dal noto luminare della medicina De Lorenzo (che ha intascato una tangente da 600 milioni di lire dalla Glaxo). Mi spiegate perchè devo vaccinare un bambino contro l'epatite B a 2 o 3 mesi di vita e quale sarebbe il rischio di contrarla tramite sperma o sangue? Mi spiegate perchè nessuno parla dell'incremento dei casi di autismo con percentuali in aumento, nessuno parla della crescita esponenziale di malattie autoimmuni e sindromi allergiche di ogni tipo di cui moltissimi studi individuano la connessione con i programmi di vaccinazione. E il problema è il morbillo? Il morbillo è una malattia pericolosa per cui bisogna vaccinare un intera popolazione? E perchè non si dice che ogni anno lo stato spende 30 milioni di euro per risarcire i danneggiati da vaccino?   

Alcuni bambini sono estremamente sensibili agli effetti collaterali e altri no. Io voglio che sia dato più spazio per studiare i tempi e i metodi di somministrazione; che ci siano delle persone formate che visitino i bimbi e facciano determinati test sulla salute e sulle intolleranze possibili, bambino per bambino, e in base ai risultati accompagnino genitori e bambini in un percorso programmato e consapevole di vaccinazione. Magari singoli vaccini, per step, all'età appropriata. Non voglio che a un bambino di 2-3 mesi ( età di profondi, delicati e fondamentali cambiamenti ) vengano iniettati in un colpo diversi vaccini per malattie per le quali in questo momento non esiste emergenza e che comunque a questa età in questo Paese non avrebbe nemmeno la possibilità di contrarre. Non voglio la "puntura e via" che tanto le statistiche... Voglio che ci sia un organismo di vigilanza terzo ( non l’azienda farmaceutica ) che raccolga e pubblichi le reali incidenze di tutti gli effetti collaterali. Solo così saremo un Paese responsabile dei propri cittadini, non con gli obblighi e le sanzioni.
Non si può ignorare tutta la letteratura scientifica nella quale si evidenzia la non innocuità dei vaccini, non si può ignorare l'esistenza di danneggiati gravi da vaccino, non si può ignorare il parere di importanti immunologi i quali hanno indagato anche i probabili meccanismi che portano ad effetti avversi non si può ignorare, conoscendo la neuro tossicità dell'alluminio e del mercurio.

Si sono inventati l'epidemia di morbillo e adesso ci troviamo con 12 vaccini per una cinquantina di inoculazioni obbligatorie. Una vera follia. Nessun paese al mondo è arrivato a tanto, neppure lontanamente. I nostri figli stanno facendo da cavia di una cosa mai sperimentata prima. Stiamo allevando una generazione di immunodepressi. Ce ne accorgeremo presto.

Il morbillo un’emergenza nazionale? Questa è una castroneria che persino Gentiloni ha smentito. E le altre 11 vaccinazioni? Emergenze?
Tutto questo in un’Europa in cui i paesi più avanzati tutelano la libertà di scelta, in un momento in cui persino negli USA si investiga sui vaccini tramite la costituzione di una commissione indipendente presieduta da Kennedy jr, e dove hanno trasmesso in tv documentari in cui diversi scienziati, medici e politici smentiscono i postulati intoccabili sulla sicurezza dei vaccini. Tutto questo quando i danni da vaccino, alla faccia di chi sostiene che le vaccinazioni siano gli unici farmaci senza effetti collaterali, esistono ed esistono leggi (n. 210/1992 e n. 229/2005) che riconoscono l’indennizzo vitalizio ai soggetti che a seguito di vaccinazioni obbligatorie abbiano riportato danni irreversibili, nonché  un indennizzo alle persone non vaccinate che abbiano riportato, a seguito ed in conseguenza di contatto con persona vaccinata, i danni di cui al comma 1 (art. 1 comma 4 della legge 210 del 25/02/1992). Perché è previsto che i vaccinati possano diffondere le malattie per le quali si vaccinano.
Ma lo sapete che nel 2008 con massima copertura vaccinale i casi di morbillo erano 5000 dati dell' Istituto superiore di sanità, e non era scatta l’emergenza?
Ecco i dati ufficiali dell’istituto superiore di sanità: 726 casi di morbillo nel 2016. Casi morbillo 2017 : gennaio 279, febbraio 457, marzo 854 (il picco più alto) aprile 692 (inizia la discesa come sempre accade dato che hanno andamento ciclico), maggio 111 (la terribile epidemia è già finita). Casi morbillo 2011: marzo 500, aprile 800, maggio 1200 (350 in più di marzo 2017 e non c'era nessun allarme di epidemia), giugno 700, luglio 350.

Quanti sanno poi che la maggioranza di ammalati di morbillo sono sovente adulti vaccinati dallo stesso perché il vaccino non offre l'immunizzazione che dà la malattia se presa normalmente da bambino? Vogliamo parlare dei vaccinati da meningite ammalatisi poi di meningite o del fatto che i vaccinati possono diffondere le stese malattie nei primo giorni post vaccino? Insomma il caos è grande sotto il cielo e se si aggiunge questa schifezza fascista degna perfettamente di una classe politica rozza, incolta e tracotante, qualche domandina sul rispetto costituzionale della libertà di cura dovrebbe pur farsi. Questi zotici della politica hanno impiegato anni per arrivare ad un penoso traguardo sulla possibilità di sceglier il fine vita, ma in una serata sono riusciti ad affossare una visione liberale e condivisa della democrazia
Non esiste un solo articolo scientifico (scritto da ricercatori ed università indipendenti) che abbia dimostrato la validità della tanto sbandierata teoria della "immunità di gregge". Non esiste una sola ricerca scientifica al livello mondiale che lasciasse anche solo pensare che tra le vaccinazioni di massa e il numero di casi di positivi abbia una qualsiasi relazione statistica (niente studi in doppio cieco, niente di niente). Ho al contrario trovato ed esaminato più di 200 articoli in cui gli effetti nefasti dei vaccini sul sistema immunitario e , a volte sul sistema neurologico, sono evidenti, palesi e incontrovertibili.

Entriamo nel merito: la polio non esiste più, l'epatite B si prende per contatto diretto del sangue con sangue infetto (siringhe, rapporti sessuali, trasfusioni): ora spiegatemi come un bambino di 3 mesi o fino a 3 anni possa ammalarsi ed anche oltre...è un regalo fatto alla Glaxo dall'allora ministro de Lorenzo… allora si chiamava tangente...dove sta il pericolo di contagio per il tetano? Il vaccino per la difterite non protegge al 100 per cento: gente vaccinata si è ammalata; la varicella è noto è pericolosissima come pure gli orecchioni (la famosa parotite). E poi la rosolia è pericolosa per le donne incinte ed allora perchè estenderla anche ai maschi? Se c'è una cosiddetta epidemia di morbillo (si sono ammalati molti adulti) vaccina contro il morbillo tutti quanti adulti e bambini.... Per la meningite non c'è nessuna epidemia i casi entrano nella norma (ci sono 7 ceppi di meningite e i vaccini per alcuni durano un anno).
L'obbligatorietà della somministrazione dei vaccini alla popolazione infantile da parte dello Stato è una ingerenza e violenta intromissione sui genitori alla loro libera scelta del percorso più gusto di prevenzione alle malattie per i loro figli. Lo consiglia la scienza, riferisce la Lorenzin. Ma di quale scienza parla la ministra? Forse quella delle industrie produttrici di farmaci, che vendono i loro intrugli da inoculare ai nostri bambini come se fossero tanti maialini o cavie. Esiste un'altra scienza nel mondo civile a cui non viene mai data visibilità, la quale afferma il contrario in merito all'utilità del vaccino. In effetti, anche senza essere dei grandi scienziati, viene da chiedersi: ma se all'asilo gli altri bambini sono vaccinati e mio figlio non lo è, che pericolo corrono gli altri se sono vaccinati? Secondo lo stato: nessuno. Allora se così è perché vuoi obbligarmi a vaccinare il mio bambino? Minacciandomi addirittura di togliermi la patria potestà. Questo atto non si chiama democrazia, ma ha un altro nome… Uno Stato che consente la vendita legalizzata di sigarette, alcolici, dicendoti: guarda che fumare e bere troppo è nocivo alla salute, però poi, maestro di ipocrisia, ti lascia il libero arbitrio di avvelenarti i polmoni o di sperperare la tua misera pensione alle slot machine, che credibilità può avere quando parla di tutela della salute pubblica?  

Il governo Gentiloni non doveva essere un breve governo di transizione per portarci velocemente alle elezioni? Il suo unico scopo non doveva essere quello di fare una legge elettorale? Come mai invece sta legiferando all'impazzata su tutti i temi dello scibile umano tranne che sulla legge elettorale? Perché è stato sfornato un decreto legge fascistoide di coercizione sui vaccini con decretazione d'urgenza, quando il presidente del consiglio dichiara pubblicamente che non c'è nessuna emergenza? Questo governo aveva la legittimità per generare questo abominio?

 Il decreto sui vaccini partorito da questo governo di incompetenti è di una ferocia nazista. Io voglio protestare, non ci sto. Ma poi cosa sono queste sanzioni così immediate e orribilmente sproporzionate per chi non si adeguerà? E cosa ne pensa la cara comunità europea? Ci sarà una legislazione europea al riguardo, visto che i singoli paesi non sono più sovrani, o no? Facciamo parte dell'Europa si o no? O serve solo a stampare moneta dal nulla, da regalare alle banche e rendere schiavi i popoli?

In quindici Paesi europei l'obbligatorietà dei vaccini non esiste. Austria, Cipro, Danimarca, Estonia, Finlandia, Germania, Irlanda, Islanda, Lituania, Lussemburgo, Olanda, Norvegia, Portogallo, Spagna, Svezia e Regno Unito hanno un approccio diverso basato su raccomandazione, prevenzione e informazione. I dati dimostrano che in questi Paesi la copertura vaccinale è simile a quella presente nei Paesi in cui vige l'obbligatorietà. Non c'è nessuna epidemia e nessuna minaccia alla salute pubblica ma solo una lieve flessione delle coperture vaccinali che può essere fronteggiata con la raccomandazione.
Che senso ha vaccinare ragazzi di 15 anni per patologia non più pericolose a quell'età? Che senso ha vaccinare per il tetano quando non è contagioso? Lavorate sulla formazione, fate studi sul perché di questa disaffezione. Nei paesi europei dove non esiste l'obbligo le coperture sono buone e non ci sono epidemie elevate. Come mai questa emergenza solo da noi?

 Sopravviviamo in un paese dove vige la dittatura silenziosa. Attenti il regime avanza: oggi i vaccini, domani la religione, poi ti diranno cosa mangiare e come pensare. Sappiamo che l’Italia sta morendo, se neanche l'amore per i nostri figli è in grado di risvegliarci dal nostro torpore, allora è quello che meritiamo. Perdere combattendo con onore, ma non arrendersi senza neanche averci provato. 

riferimenti:













Post scriptum

L’articolo 2 della Costituzione Repubblica Italiana sancisce: “La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo…». L’articolo 13 attesta: «La libertà personale è inviolabile».

L’articolo 32 della Costituzione parla chiaro: «La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana».

«La mancata certificazione (delle vaccinazioni) non comporta il rifiuto di ammissione dell’alunno alla scuola dell’obbligo agli esami» stabilisce il decreto del Presidente della Repubblica 26 gennaio 1999, numero 355, comma 2.

Articolo 28 della Costituzione: «I funzionari e i dipendenti dello Stato e degli enti pubblici sono direttamente responsabili, secondo le leggi penali, civili e amministrative, degli atti compiuti in violazione di diritti. In tali casi la responsabilità civile si estende allo Stato e agli enti pubblici».

fonte http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2017/05/contro-la-dittatura-dei-vaccini.html#more

Medusa è il potere: se lo guardi ti pietrifica, succede a tutti

Per poter gestire la cosa pubblica bisogna essere formati, e formati molto bene. Questo gli antichi lo sapevano, ci hanno avvertito, ma è un sapere che ci è stato completamente tolto. Il potere è una delle cose più pericolose da maneggiare. Non si presenta mai come tale, ma indossa sempre dei panni – di prestigio, ambizione, ascendente, reputazione, carisma, decisione. Ha sempre una maschera, e i greci lo sapevano bene: il mito della Medusa lo descrive molto bene. La Medusa era il potere, il nome si riferisce a colei che domina, sovrana, ed è una combinazione tra umano e bestiale tra le più terrifiche. Insieme a Steno e Euriale è una delle tre Gorgoni. Secondo il mito, avevano il potere di pietrificare chiunque avesse incrociato il loro sguardo. E, delle tre, Medusa era l’unica a non essere immortale. Solitamente venivano rappresentate con le ali d’oro, le mani con artigli di bronzo, il volto leonino, zanne da cinghiale, orecchie allargate – gli attributi simbolici di tutte le metafore zoomorfe del potere. E il loro potere mortale era nello sguardo. La Medusa era tutta mostruosa, ma concentrava negli occhi la sua arma fondamentale: fissare la Medusa significava perdersi, trasformarsi in pietra dura, opaca.
Cosa voleva dire, il mito? Attenzione: il potere possiede quasi un incantesimo. E quindi, nel momento in cui tu guardi e non sei formato, non sei protetto, perdi te stesso. Perdi la tua capacità di guardare, di avere uno sguardo proprio, di appartenerti. La Medusa, CaravaggioMedusa è disumana, ed è in grado di disumanizzare chi vi entra in relazione. E infatti chi uccide la Medusa? Perseo, perché è formato e protetto: ha lo scudo di Atena, i calzari alati offerti da Ermes. Perseo è colui che doma le potenze infere, la natura selvaggia del potere. La conoscenza non è altro che scudo e consapevolezza: solo chi è formato può resistere al potere, può andare in un posto di potere e non perdersi, una volta raggiunto il potere. Se non sei formato, puoi essere anche la persona con le migliori intenzioni delmondo, ma verrai pietrificato.
Tanto è forte, questo insegnamento, che addirittura a Dante, nel nono canto dell’Inferno, quando incontra le Gorgoni, Virgilio dice di chiudere gli occhi; non sicuro che Dante tenga davvero gli occhi chiusi, gli chiude gli occhi lui stesso, con le mani, perché sa che le Gorgoni sono pericolosissime. Virgilio mette proprio le mani sugli occhi di Dante e gli dice: volgiti indietro e tieni il viso chiuso, perché se la Gorgona si mostrasse e tu la vedessi, nulla potrebbe più tornare come prima, saresti perso per sempre. E subito dopo c’è quel famoso verso, che poi ognuno interpreta un po’ come vuole, dove Dante, appena dopo l’avvertimento di Virgilio, dice: “O voi ch’avete li ‘ntelletti sani, mirate la dottrina che s’asconde sotto ‘l velame de li versi strani”. Come dire: se un giorno avrai intenzione di ricoprire una carica importante, e Solange Manfrediquindi andare in un posto di potere a fare determinate cose, potrai essere la persona migliore del mondo e avere le intenzioni migliori del mondo, ma se non sei formato sarà un disastro, per te ma soprattutto per gli altri.
Noi oggi questo non lo sappiamo, e quindi puntiamo sui giovani. Brave persone? Bene, ci fa piacere, ma sono anche adeguati? Bisogna essere formati, e bisogna avere esperienza. Siamo abituati a visitare New York sul computer; ma passeggiarci davvero, a piedi, è un’altra cosa. Queste sono tutte saggezze che a noi sono state tolte. Anzi, ci fanno credere il contrario: ci fanno credere che oggi il mondo dev’essere dei giovanissimi, e che a 25 anni sei già vecchio. “Largo ai giovani”, che non sono formati. E pur essendo persone meravigliose, quando arrivano in determinati posti vengono stritolati: si perdono. Questa è una saggezza tramandata ovunque, da Omero in poi, dal IX secolo avanti Cristo. Ma poi a noi hanno iniziato a cambiare il modello di insegnamento, perché noi non dovevamo più formare uomini, ma crearelavoratori.
(Solange Manfredi, dichiarazioni rilasciate nel corso della diretta web-radio di “Forme d’Onda” del 4 maggio 2017).
fonte http://www.libreidee.org/2017/05/medusa-e-il-potere-se-lo-guardi-ti-pietrifica-succede-a-tutti/

sabato 20 maggio 2017

Il governo italiano ha dichiarato GUERRA agli italiani.


prematuri-e-vaccini-laviadiuscita

Il governo italiano ha dichiarato GUERRA agli italiani. OBBLIGO VACCINALE che passa da 4 a 12 e fino a 16 anni!! SVEGLIAAAAA!!

18486338_653236421542114_5016732559235922000_n
Lo Stato Italiano dichiara guerra al proprio popolo!  
Tutta la nazione deve unirsi contro questi CRIMINALI SPIETATI, perché non è accettabile una tale violenza e speculazione sulla vita di bambini e non!
Dopo anni di battaglie per ottenere la libertà di scelta e l’ultima caccia alle streghe, si ritorna ai tempi bui dell’obbligo vaccinale. Pena pesantissime sanzioni e chissà forse pure togliere i figli alle famiglie!
Non solo hanno re-instaurato l’obbligo, ma i vaccini obbligatori passano da 4 a ben 12.  
Nonostante i dati allarmanti sui danni da vaccino i DIPLOMATI ministri, anzi, MINISTRE, CRIMINALI del governo italiano hanno avuto la meglio!
lasindromeautisticainaumentovertiginoso
range-2009
Il problema è che oggi, rispetto 10/20 anni fa, i vaccini, come ci ha dimostrato il dott. Montanari, sono inquinati di metali pesanti e altre merdate che non fanno certo bene.
Difatti vediamo sempre più bambini con problemi e sempre più malattie autoimmuni. 
Eppure nel resto dell’Europa l’obbligo è decisamente diverso
18424997_10154306883215194_1803174333312902561_n
Ben due anni fa abbiamo dedicato un post sull’obbligatorietà vaccinale in Europa
Paesi europei senza alcun obbligo vaccinale nel 2010
Austria – Cipro – Danimarca – Estonia – Finlandia – Germania – Islanda – Irlanda – Lituania – Lussemburgo – Olanda – Norvegia – Portogallo – Spagna – Svezia – Regno Unito
Se non sono dichiarazioni di GUERRA quelle che seguono… 
Inoltre si allarga di molto il numero di vaccini obbligatori, che passano da 4 a 12. Quindi vengono ricompresi in questa categoria quelli un tempo considerati facoltativi, tra i quali anche l’mprv (morbillo, parotite, rosolia e varicella) e i due contro la meningite, di ceppo B e C. I bambini dovranno averli fatti per poter essere iscritti all’asilo nido e alla scuola materna. “Di fronte a questa obbligatorietà abbiamo deciso alcune misure – ha detto il premier Gentiloni – L’obiettivo è ridurre al minimo nei prossimi mesi e anni la fascia di popolazione non protetta”. Ha così spiegato che per i genitori di chi non è coperto e frequenta la scuola dell’obbligo si è pensato a sanzioni, “anche 30 volte più alte di quelle esistenti”. Per avere un’idea del valore delle sanzioni, quelle vecchie, che non venivano praticamente applicate, erano di 150 euro per la polio e di 250 per l’epatite. Con la nuova norma si sale a diverse migliaia di euro. 
“Si tratta di un decreto – ha detto Gentiloni – perché si è constatato che la mancanza di misure appropriate nel corso degli anni e il diffondersi negli ultimi mesi di teorie anti scientiche che ha portato abbassamento protezione. No siamo in uno stato di emergenza ma preoccupazione alla quale vogliamo rispondere. Decreto anche perché negli ultimi mesi diverse prese di posizione di diverse regioni su questo punto, sentiamo dovere e esigenza di dare indirizzi generali”.
La ministra alla Salute Beatrice Lorenzin ha aggiunto che “le vaccinazioni sono uno strumento fondamentale di salute pubblica” e ha elencato i problemi legati al calo delle coperture che si sta registrando in questi anni. “Vogliamo aumentare le coperture vaccinali. L’azione più forte si fa sui bambini piccoli e poi più avanti nel percorso scolastico andiamo a controllare le coperture, e pensiamo a misure stringenti nei confronti della famiglia”. Lorenzin ha così spiegato come funzioneranno le sanzioni. “All’iscrizione presso qualunque istituto, cioè da 0 a 16 anni, bisognerà presentare il libretto vaccinale. Se non è in regola con le vaccinazioni o si è in lista di attesa, la scuola deve riferire all’Asl, questa chiama la famiglia, gli dà un tot di giorni per vaccinare. Se questo non avviene, scatterà una sanzione molto elevata. Che per chi non è in regola si ripeterà ogni anno”. Lorenzin ha spiegato di essere soddisfatta
Oltretutto, notizia di pochi giorni fa, il vaccino esavalente è sotto indagine dalla procura di Torino in merito proprio alle sostanze non segnalate

Vaccini: nessuna guerra, solo più certezze

Roberta Doricchi – Lo so che eravamo d’accordo di non parlare più di vaccini, ma ogni giorno si aggiunge qualcosa e già rimanere aggiornati è un problema. Vogliamo partire dall’obbligo vaccinale per tutti i bambini a pena di non essere ammessi al nido?
Stefano Montanari – Guardi che io non sono né uno psichiatra né un magistrato. Ciò che le posso dire dal mio punto di vista è che l’idiozia non ha limiti. Vede, quando si dà da pilotare un aereo a uno scimpanzé si possono avere effetti immediati divertenti e anche, chissà, sorprendenti. Poi il botto è inevitabile.
RD – Mi fa un riassuntino?
SM – Glie lo faccio, ma non servirà a nessuno. Il vaccino è una fonte di guadagno e di carriera per qualcuno. È un atto di fede per la maggioranza della popolazione. Se chi ricava quattrini, magari miracolosamente o magari perché qualche disastro lo ha toccato da vicino, può avere un’illuminazione morale arrivando a rinunciare al guadagno e alla carriera, non sarà mai così per chi ripone nei vaccini tutte le sue certezze e per difenderle è disposto a qualunque bizzarria. Menzogna, violenza… il fine giustifica i mezzi.
RD – Il riassuntino me lo faccia comunque.
SM – Già non è facile scegliere tra le malattie infettive. Quali scegliamo? Forse la signora Lorenzin non è stata informata, ma le malattie infettive sono parecchie e vaccinare contro tutte è davvero un’impresa. Tra le altre mille follie, pensi solo ai quattrini che occorrerebbero anche se, bisogna dire, per certe cose i soldi si trovano sempre: basta raschiare un po’ sulle pensioni, sulla scuola, sulla sanità che non rende… Ma poi c’è il problema dell’efficacia del vaccino, di qualunque prodotto si tratti. Non parlo del professorino o del politico o del giornalista perché quelli fanno solo folclore: nessun farmacologo sano di mente potrà affermare che i vaccini sono efficaci nella totalità dei casi e, dunque, ci sarà sempre una quota di bambini che ricevono il vaccino senza effetto immunizzante. E poi, se l’immunità viene acquisita, non potrà pensare che la condizione si protragga oltre pochissimi anni. E, allora, sarà indispensabile non solo controllare se l’effetto c’è stato ma se si sia mantenuto. Comunque, ogni pochi anni bisognerà necessariamente rivaccinare. Prescindendo dai rischi insiti in ogni somministrazione e di cui ricevo notizia ogni giorno da non pochi genitori che hanno vaccinato e rivaccinato senza farsi domande per poi venire a piangere sulla mia spalla chiedendomi miracoli impossibili, non penserà che gli untori siano solo i bambini. Gli adulti sono trasmettitori di malattia esattamente come e forse più dei ragazzini e, secondo la filosofia di regime, non si potrà non vaccinare anche loro. In fondo il bambino va al nido o a scuola e viene a contatto con gli insegnanti, con i bidelli, con l’autista dell’autobus, con il cuoco, con il pediatra, con chi passa per strada… Insomma, perché solo i bambini? E perché limitarsi alle scuole? Vacciniamo chiunque pretenda di vivere su questo pianeta e facciamolo a ripetizione per tutta la vita. Pensi alla soddisfazione dei nostri luminari con in testa la signora Beatrice Lorenzin, colta quasi più di loro.
RD – Che cosa mi dice delle epidemie in corso?
SM – Fa dell’ironia o me lo chiede sul serio?
RD – Decida lei, ma mi risponda.
SM – Fallita la bufala della meningite, pur se qualche irriducibile ci crede ancora, adesso è il turno del morbillo. È probabile che certe notizie siano fatte circolare a partire da chi di medicina non ha nozioni e, dunque, non prova accenno di vergogna. Chi sa come si comportano le malattie infettive, di cui il morbillo è una, sa che tengono un andamento quanto mai altalenante con picchi in alto e in basso che differiscono enormemente. Basterebbe consultare le statistiche per trovarsi davanti agli occhi dei grafici inequivocabili ma, ovviamente, nessuno lo fa. Pensi alla peste. Legga qualunque testo di storia della medicina e vedrà come quella malattia, ora praticamente scomparsa senza che una sola persona sia stata vaccinata, ha imperversato nei secoli per ondate lunghe anni facendo stragi per poi restare quiescente durante periodi di parecchi decenni. Le malattie infettive si comportano qualitativamente tutte in quel modo, pur se, di solito, in maniera molto più “compressa”.
RD – Compressa?
SM – Volevo far capire che gli alti e i bassi si susseguono generalmente entro periodi brevissimi, esattamente come sta accadendo per il morbillo. Niente di insolito. Ma, approfittando di un’informazione truffaldina che scommette, ora vincendo, sull’ignoranza e sulla fragilità emotiva della maggior parte della gente, ecco che ora siamo in piena epidemia di morbillo. Poi verrà la varicella, la pertosse, la scarlattina e chissà che cosa d’altro. Siamo arrivati alla pazzia del Papilloma virus. Vedrà che, non appena una ditta dotata di una quantità sufficientemente ghiotta di quattrini da distribuire salterà fuori con un vaccino per una malattia qualunque, ecco che di quella avremo un’epidemia sconvolgente.
RD – Ma è vero che il morbillo dà effetti terribili?
SM – Certo che è vero. Ma dobbiamo capire il perché. Intanto non sono affatto frequenti e un tempo erano di una rarità assoluta. Qualche giorno fa ho sentito in una TV nazionale un medico spacciato, come si fa ormai di solito, per essere un luminare dire che l’encefalite è un effetto del morbillo e, se una volta di encefaliti ce n’erano pochissime, è solo perché allora non si sapevano diagnosticare. Ora, se un medico di cento, duecento o cinquecento anni fa non avesse saputo diagnosticare un’encefalite, comunque la si fosse voluta chiamare, non avrebbe trovato un solo cliente. Insomma, la solita stupidaggine di regime ad uso dei gonzi. A titolo di curiosità, aggiungo che nella stessa trasmissione, tra le altre manifestazioni di demenza e nella disinformazione più grottesca, si mostrava un povero beota che diceva di aver avuto sì il morbillo, ma poi di esseri vaccinato per sicurezza. A quel punto si sarebbe dovuto dire immediatamente che un comportamento del genere costituisce un grave errore e, invece, si è taciuto. Del resto, tempo fa due genitori sono venuti a trovarmi in laboratorio e mi hanno riferito come il pediatra di loro figlio lo volesse vaccinare contro il morbillo quando di morbillo il bambino si era ammalato e, ovviamente, ne era guarito senza conseguenze.
RD – Da quello che mi pare di capire, allora il morbillo è più aggressivo oggi di un tempo.
SM – Con molte probabilità è così. Ma è così non perché il morbillo sia cambiato: è l’Homo sapiens ad essere diverso.
RD – In che modo?
SM – Ho ripetuto mille volte e qualunque medico dovrebbe sapere una cosa che accomuna diverse malattie infettive ma che per il morbillo è vistosissima. Se una bambina si ammala di morbillo in modo naturale, non solo resterà immune a vita ma, a tempo debito, trasmetterà una forma temporanea d’immunità al proprio figlio. Questa forma proteggerà il bambino fino all’età di sei, sette o otto anni. Se, invece, la bambina è stata vaccinata, non trasmetterà proprio nulla e, dunque, il morbillo potrebbe attaccare il figlio in età molto precoce, facendo danni. Inoltre, continuando ad immunizzare artificialmente e, occorre dire, in modo non completamente efficace, la popolazione, il risultato è quello di avere tantissime persone che non sono capaci di reagire fisiologicamente per difendersi da una malattia. Il fatto che sembra sfuggire è che l’organismo ha bisogno di ammalarsi di tanto in tanto come un atleta ha bisogno di allenarsi. Se quando io, ai bei tempi, facevo il maratoneta avessi fatto i miei percorsi d’allenamento non correndo ma seduto in automobile, non sarei certo stato capace di concludere una gara. Ecco, allora, che una malattia del tutto benigna come il morbillo, tanto che il nome stesso, di origine latina, significa proprio malattia di poco conto, diventa qualcosa di potenzialmente pericoloso.
RD – In definitiva, vaccinarsi o no?
SM – Per abitudine e per convinzione io non do consigli a nessuno. L’unica cosa che posso dire con assoluta certezza è quello che le ho appena detto. Sarebbe bene, poi, che chi si vaccina e chi vaccina i propri figli fosse informato correttamente, cosa che non avviene quasi mai e, se ho detto quasi, è per buonismo. Tantissime sono le cose che non si dicono. Per esempio, anni fa ci fu un’epidemia di morbillo in Canada con la totalità dei soggetti vaccinati. E la stessa cosa accade per chi si ammala di tante altre malattie contro cui era stato vaccinato. Se non ci fosse qualcosa di almeno sospetto sotto, non ci sarebbe motivo di tacere.
RD – Mi dice ancora qualcosa sulla proposta di non far entrare a scuola i bambini non vaccinati?
SM – Tenga conto che alla testa di tutto c’è la signora Lorenzin e già questo spiega parecchio. Il problema non è tanto quello del tentativo, forse moralmente non proprio condivisibile ma certo, invece, comprensibile, di vendere vaccini quanto quello dell’ignoranza. Se la gente avesse un po’ di cultura, medici tristemente compresi, si farebbe due risate di fronte a certe situazioni. Almeno dal punto di vista generale, le vaccinazioni a tappeto sui bambini sono ovviamente del tutto inefficaci, per di più volte come sono a combattere nemici che solo l’incompetenza, e non dico altro, di qualcuno ha rafforzato, ma comportano anche l’innescarsi di situazioni molto divertenti anche se decisamente imbarazzanti.
RD – Per esempio?
SM – Beh, per esempio quello della mia regione, l’Emilia Romagna, che diventerà nazione autonoma fuori dal trattato di Schengen.
RD – Questa è una novità. Sta scherzando, vero?
SM – Non sono del tutto sicuro di stare scherzando. Consideri ciò che sta succedendo. L’Emilia Romagna ha amministratori del tutto incompetenti ma non è per questo che si discosta dal resto del Paese e, devo dire, da altre zone planetarie. Se si dà un’occhiata al panorama politico, pare che, se non ti collochi al di sotto di un certo livello intellettuale e culturale, la carriera politica ti sia preclusa. Ma su questo noi siamo in regola. Ciò che accade nella mia regione è che, essendo noi più realisti del re, abbiamo vinto la gara della follia anticipando gli altri concorrenti. Se il bambino vuole andare al nido deve essere vaccinato. Idem all’asilo, idem a scuola, altrimenti se ne sta fuori. Non mi chieda dove, perché non ci sono luoghi dove terribili contagi non siano possibili. Lasciamo da parte ogni considerazione sull’illegalità della cosa, sui vaccini somministrati con l’inganno anche senza alcuna obbligatorietà e sulle iniezioni fatte a casaccio al di fuori di ogni buona pratica medica così come di ogni risvolto etico e vediamo che cosa questo comporta. È ovvio che il bambino non vaccinato, oltre la scuola, non potrà frequentare alcun luogo pubblico perché, credo che anche i nostri geni me lo concederanno, il terribile morbillo o la devastante pertosse si possono contrarre anche in piscina, al parco, in spiaggia, in albergo, al ristorante,al cinema,  allo stadio… Ma, se la cosa vale per i bambini emiliani e romagnoli, deve per forza valere per gli immigrati e per i preziosissimi turisti. Perciò, o quelli si presentano ai confini regionali con un certificato di vaccinazione e, mi auguro, con uno che dimostra che gli anticorpi se li sono fatti, o se ne stanno fuori. Trascuriamo i portatori sani perché quelli proprio non esistono nel cervello dei nostri timonieri. Consideriamo, però, che esistono gli stati canaglia che potrebbero emettere certificati falsi. Così non ci resta che mettere lungo il Po, sulle spiagge dell’Adriatico e sui crinali dell’Appennino oltre, che, naturalmente, negli aeroporti e nelle stazioni ferroviarie migliaia di guardie di frontiera armate di siringa che vaccinino chiunque passi di lì. Che cosa accadrà? Noi speriamo sempre nei turisti tedeschi e questi non daranno grandi problemi perché là si vaccina anche lo scaldabagno, ma che faremo con gli austriaci? È vero che, statisticamente, quelli si ammalano molto meno dei vicini tedeschi, però si vaccinano poco. Dunque, fuori! Però quelli portano soldi e, allora, bisognerà trovare un escamotage facendo dire agli immancabili luminari a gettone che la natura si comporta in maniera diversa valutando censo e nazionalità. Va da sé che la circolazione non potrà non essere vietata anche agli italiani che abitano in regioni dove ancora la vaccinazione di regime non è entrata in vigore. E, allora, l’Emilia Romagna uscirà subito da Schengen e diventerà per forza nazione autonoma. Emilia nazione: sorbole!
RD – E gli adulti?
SM – Untori al pari dei bambini. Sarà il passo che faremo per logica conseguenza: o si vaccineranno anche loro, e non mi chieda per che cosa perché nessuno le saprebbe rispondere ma l’importante è vaccinare, o li abbatteremo come polli con l’influenza aviaria. Devo dire orgogliosamente che le cervella fritte sono un piatto tipico nostrano, componente essenziale del gran fritto alla bolognese. Ora noi stiamo coerentemente friggendo anche le cervella umane e di questo ci si dia merito: le tradizioni vanno conservate.
RD – Resto di stucco.
SM – Io ci sarei restato qualche anno fa. Ora non più. Recentemente ho letto un articolo divertente su Repubblica firmato Guglielmo Pepe [http://pepe.blogautore.repubblica.it/2017/05/11/sui-vaccini-una-guerra-piu-politica-che-sanitaria/ (N.d.R.)] da leggere prima che lo censurino. Sono divertenti anche diversi commenti. Secondo l’autore, solo il 2% degli italiani è contrario all’uso dei vaccini. Mi chiedo, allora, che problema ci sia a raggiungere il fatidico 95% di vaccinati per ottenere l’immunità di gregge. Questo prescindendo dall’assurdità non solo del numero, con quel 95 generato dal nulla per il colpo di genio di un personaggio restato senza nome e premiato con un successo senza paragoni, ma del concetto stesso di immunità di gregge: la truffa più incredibilmente riuscita degli ultimi anni. Ammettiamolo: i gonzi sono una risorsa senza fine.
RD – Ho sentito in televisione un medico dire che in Italia migliaia di bambini muoiono di tumore perché non si vaccinano.
SM – Spero non voglia un commento da me. Un esperto di psicologia criminale potrebbe risponderle in modo adatto. La sola cosa che mi chiedo è che cosa faccia la magistratura davanti a chi, per ignoranza, per corruzione o semplicemente perché soffre di qualche patologia della mente terrorizza la gente in una maniera così volgare e pericolosa. A volte penso che le pene corporali eseguite in pubblico potrebbero aiutare. Ma questo lei non lo scriva.
RD – Ora si metta nei panni dell’uomo della strada e mi dica che cosa pensa di un medico che dice in TV una cosa del genere.
SM – Se dal punto di vista medico quello si è reso semplicemente ridicolo, da quello umano non posso altro che parlare della più repellente viltà. Per motivi che non voglio nemmeno sfiorare ma che sono evidentissimi, quello, approfittando dell’immagine che la scatola magica gli dava, ha terrorizzato chissà quante migliaia di genitori approfittando della loro ignoranza e della loro emotività, mettendo in atto il più repellente dei ricatti morali: “Se non vaccini tuo figlio, gli fai venire un cancro.” Naturalmente quel personaggio non offre spiegazioni né dice, ad esempio, contro che diavolo di malattie si deve vaccinare il bambino o quali meccanismi patologici interverrebbero in caso di mancata vaccinazione non importa contro che malattia, ma, evidentemente, la cosa è irrilevante: ciò che importa è compiacere il regime e fare un po’ di business. “Pecunia non olet” diceva Vespasiano. Ciò che puzza, e tanto, sono personaggi come quello.
RD – Cambiamo appena argomento: com’è andata la tavola rotonda sui vaccini di domenica scorsa?
SM – Io sono contrario a questo genere di manifestazioni perché di solito si tramutano in una gazzarra da cui il povero spettatore esce più confuso che mai. Devo dire, invece, che da quello che è stato fatto a Bellaria chi c’era può aver ricavato informazioni interessanti e utili.
RD – C’era gente?
SM – Sì: la sala non era certo piccola ed era piena.
RD – Ci racconti qualcosa.
SM – La prima cosa da dire è che il Comune di Rimini, quello che aveva impedito la tavola rotonda nel suo territorio appena una settimana prima ne è uscito moralmente a pezzi. Nessuno tra i presenti ha neppure fatto cenno a quella vergogna, tanto è valutato il sindaco di quel comune. Poi ci sono stati ottimi interventi dell’avvocato Luca Ventaloro che ha chiarito le idee dei presenti su temi legali, temi a proposito dei quali, come è ormai la norma, in tanti si esprimono senza averne cognizione. È stato divertente ascoltare quali e quanti articoli della Costituzione stia calpestando la signora Lorenzin con la sua furia vaccinista, e questo lasciando da un canto la sua presenza il Parlamento, del tutto incostituzionale. C’è stato il dottor Dario Miedico che venerdì prossimo passerà sotto le forche dell’inquisizione dell’Ordine dei Medici semplicemente perché ha osato fare il medico e non lo scimpanzé ammaestrato o il kapò. Il suo contributo è stato molto personale e così quello di Federica Santi, una mamma, una delle tante, che ha visto massacrare suo figlio dall’uso sconsiderato dei vaccini. Infine c’era Giorgio Rosso, l’editore di Macro e l’organizzatore della tavola rotonda. Anche da lui parole interessanti.
RD – Ci sono state domande da parte del pubblico?
SM – Sì, e ce ne sarebbero state molte di più se ognuna di queste non avesse richiesto risposte complesse e, per questo, lunghe. Quanto a me, io ho ricevuto tantissime domande soprattutto fuori della tavola rotonda, prima dell’inizio, durante l’intervallo e a manifestazione terminata. Tutte domande cui avevo già risposto innumerevoli volte perché la gente non ha voglia di leggere ciò che scrivo ma preferisce farsi servire in tavola ciò che chiede al momento. Devo dire di essere rimasto particolarmente commosso dall’incontro con una ragazzina piena di dignità che il Cervarix, il vaccino anti-Papilloma virus, ha reso cieca da un occhio , massacrata da dolori continui, incapace di concentrazione, di capacità di apprendimento e, dunque, senza futuro vivibile. Una vita sacrificata sull’altare della follia e della corruzione. Mi sarebbe piaciuto che i farabutti che spacciano quella roba per sicura ed efficace fossero presenti e avessero spiegato alla ragazza che lei stava benissimo. Ma, a parte ciò, le confesso che una cosa che mi ha fatto arrabbiare come, del resto, accade sempre, è la pretesa che io vada qua e là a fare conferenze come volontario, regalando a chi mi degna di attenzione il frutto di decenni di lavoro e di sacrifici veri. Quando io faccio notare che da troppi anni mi si spreme come un limone senza degnarsi di dare una pur piccola mano, c’è un momento d’imbarazzo e poi tutto prosegue come se niente fosse. Al massimo mi si fa la domanda più irritante possibile, quella che contiene la goffa giustificazione ad un comportamento che di nobiltà non ha niente: “Ma io, da solo, come privato cittadino, che cosa posso fare?” A parte il fatto che mia moglie ed io siamo dei privati cittadini e abbiamo fatto molto più di quanto tutto l’esercito dei critici sui vaccini ha mai fatto e lo abbiamo fatto sulla nostra pelle, se ognuno alzasse il sedere dalla poltrona e facesse anche il pochissimo che pigrizia e avarizia consentono…
RD – Questione di soldi?
SM – Non solo quelli, anche se i soldi sono importantissimi e sono proprio quelli a farci perdere senza rimedio. L’altro giorno ho sentito che per far venire Obama in Italia gli si è pagato il viaggio in coppia con la moglie, e non certo in classe economica, e l’hotel che non era la Pensione Maria. Il trasferimento italiano della coppia ha richiesto 15 automobili che non erano delle vecchie 128 a metano, gli si sono consegnati 400.000 Euro e, per andare a sentire la mitragliata di banalità che ha detto, si pagava un biglietto da 850 dollari. Ora qualcuno mi dovrà spiegare perché per me non si paga un milione di volte di più perché, pur riduttivamente, al paragone tanto valgo.
RD – Lei si sta arrabbiando.
SM – Sì.
RD – Allora vediamo di toccare un argomento che forse la tranquillizzerà. Diversi giornali tra cui La Stampa hanno pubblicato lo stesso articolo in cui si parla dell’interesse del Codacons e di una Procura per le vostre analisi sui vaccini [http://www.ilsecoloxix.it/p/italia/2017/05/14/ASoeq8OH-sostanze_esavalente_segnalate.shtml (N.d.R.)].

SM – Eh, no: qui mi arrabbio forse ancora di più. Da anni io denuncio quelle cose e da anni le cosiddette autorità ne sono perfettamente al corrente. Tutto questo interesse del momento mi puzza tanto di commediola allestita ad arte. Vedrà che il solito luminare di regime concluderà, dall’alto della sua infinita sapienza, che iniettare porcherie è del tutto innocuo. Anzi, se arriva un regaluccio, dimostreremo che fa pure bene.
RD – Come concludiamo questo incontro?
SM – Concludiamo dicendo che da solo non posso più fare la guerra da solo, che dobbiamo liberarci non domani ma oggi di una classe politica alla quale non appiccico nessun aggettivo, che dobbiamo abolire con validità retroattiva l’Ordine dei Medici, che non dobbiamo più accendere la TV sui canali truffaldini, che non dobbiamo più comperare i giornali in cui si pubblicano menzogne, che dobbiamo imparare a scegliere i medici, pediatri in primis, che dobbiamo imparare a leggere i bugiardini…
Non cadete nel tranello: il signore che vedrete nel video
Non è un comico e nemmeno un personaggio di Charles Schulz: si tratta di un serissimo bigiottiere o gioielliere (no so) la cui virtù preclara è di essere enciclopedico.
Dopo essersi espresso in passato per l’ammaestramento del volgo a proposito di tanti risvolti dello scibile umano e non solo, da qualche tempo questo luminare c’insegna tutto sui vaccini e, soprattutto, bacchetta i cattivacci ficcanaso che vanno a vedere che cosa c’è dentro.
Grazie all’amico medico che ci ha inviato il link, da lui apprendiamo che, a nostra insaputa, le indagini che abbiamo svolto negli ultimi 15 anni sono state ridicolizzate da scienziati di ben altra levatura che non sia la nostra e, a conforto di ciò, cita nomi che più luminosi non potrebbero essere: Roberto Burioni e (udite, villani!) Salvo di Grazia. Probabilmente per modestia i loro curriculum “scientifici” paiono testimoniare la totale assenza di qualunque competenza in materia ma chi sa di filosofia, di Kant in particolare, non ignora che la vera conoscenza è quella a priori, cioè senza bisogno della volgare esperienza. E, infatti, nessuno ha rifatto le analisi se non per scherzo. In fondo, che bisogno ce ne sarebbe? Poi, comunque, il tutto si compensa con pagine e ammonimenti televisivi sostenuti da mammine sotto l’effetto di salvifici psicofarmaci, giornalisti a gettone, politici senza il gravame dell’alfabetizzazione… Insomma: chi potrebbe reggere il passo tra cotanto senno?
Chi, poi, vorrà illuminarsi ancor di più, potrà consultare i testi sacri (siti Internet) citati dal bigiottiere o gioielliere onnisciente. Magari consulti anche i curriculum scientifici di chi esterna ex cathedra da quei siti. Ce n’è uno, quello di una contabile austriaca, che è meraviglioso.
Ma il bigiottiere illuminato non si ferma qui: esterna tutto il suo orrore per la Procura della Repubblica la quale, blasfema che è, pretende di dare un’occhiata ai vaccini. Come un infedele arrivi a tanto non saprei dire né oso ipotizzare. Certo per loro le pene eterne del morbillo nell’aldilà sono il minimo che ci si possa aspettare.
Chi si chiedesse, per caso, il perché si possa temere un’indagine se, come qualunque scienziato sa, i vaccini sono puliti, efficaci e sicuri, ha la risposta pronta: è la bestemmia che scandalizza! E poi, perché spendere tempo e soldi (noi non c’entriamo, sia chiaro) se la nostra commovente ministra della salute ci ha già maternamente e scientificamente rassicurato?
Cari frequentatori di questo ingenuo blog, per pochi che siate, mettetevi il cuore in pace: abbiamo perso.
Storicamente accade: di tanto in tanto, per motivi che ignoro ma che forse equivalgono a quelli di un contagio che colpisce periodicamente una popolazione eliminando i soggetti più deboli, la società è pervasa da un’alluvione incontenibile di follia. Riandando al passato, credo sia difficile trovare via via qualcosa di più folle delle guerre di religione o della caccia alle streghe o della condanna per empietà di chi (Anassagora di Clazomene) affermava che la Luna altro non era se non un enorme pezzo di materia rocciosa. Beh, oggi, vedi i  miracoli del progresso, l’Homo sapiens si è superato. Mescolando mirabilmente ignoranza, denaro, carriera e vanità questo animale autodefinito Signore dell’Universo e fortunatamente unico sta massacrando in ogni modo, compreso quello fisico, qualunque appartenente alla sua zoologia che non sia disposto a farsi iniettare porcherie immonde nell’organismo e, peggio ancora, chi non sia disposto a posare sull’altare del sacrificio i propri figli. Appunto: il progresso.
Il regime di pazzia impone la messa in pratica di misure necessarie al mantenimento dello stato di fatto, a partire dalla violenza fisica, continuando con l’annientamento della libertà di pensiero e di parola, non indietreggiando davanti alla distorsione più grottesca dei fatti e alla censura di dati incontrovertibili, fino, se ce la farà, alla proibizione di accedere all’istruzione scolastica per chi non è docile ai voleri dei personaggi che, con l’inganno perpetrato ai danni della Costituzione, ci “governano”. Quest’ultima contromisura ha il lato positivo di evitare ai bambini “ribelli” di essere rimbecilliti da nozioni stravaganti. E ne ha un assaggio chi ricorda le stramberie cui il regime sottoponeva i ragazzini quando l’impegno dei nostri statisti, non ancora affascinati dai più sicuri vaccini, era quello di costruire tanti inceneritori (“entra monnezza, esce oro”).
Negli ultimi momenti della guerra, i signori dei vaccini sono stati in qualche difficoltà. Mai hanno risposto alle domande mille volte poste; hanno vietato proiezioni di film e convegni; sono stati costretti a dare l’esempio proibendo a un medico di esercitare la sua professione pur non avendo commesso alcun reato; hanno organizzato corsi per i medici con insegnanti degni della rivoluzione culturale di un Mao ormai surclassato; hanno sollevato un pandemonio con la storia dell’infermiera che (forse) vaccinava per finta e, per giustificare la condanna che, come da copione, arriverà, hanno messo in atto una ricerca di prove che, se non altro, dimostra senza discussione il grado di preparazione di chi ha pensato quella roba. Da qualche tempo, inoltre, basta accendere la radio o la TV per essere avvolti dalla propaganda più comicamente squallida sui vaccini, una propaganda molto peggiore di quella delle dittature che tanto condanniamo a parole perché, in questo caso, è anche la salute ad essere rapinata. Si presentano dei fantocci spacciandoli per luminari e da loro si ricevono insegnamenti e condanne che paiono scritte da un Jules Romains in forma. Idiozie? Certo, ma è esattamente ciò che si desidera: tanto il gregge si beve qualunque intruglio e poi ne chiede il bis. A questi guitti si aggiungono coltivazioni di zucche parlanti che, prive della benché minima infarinatura sanitaria, sproloquiano sostenendo tesi che, in altri contesti, potrebbero suscitare risate o  finire con una raffica di calci nei quarti posteriori. A margine, diversi di loro mi definiscono pericoloso, il che è ineccepibile, visto che costituisco un pericolo per il business che li regge a galla. “Molti nemici, molto onore” si diceva un tempo, ma avere nemici di quella levatura non può certo costituire elemento di vanto.
Chi si concentrasse sulla farsa dei vaccini e non andasse oltre perderebbe una fetta in qualche modo interessante della società attuale. Senza che io m’impegni a compilare l’elenco da Leporello delle manifestazioni di demenza in cui stiamo allegramente affogando, qualcuno dia un’occhiata al rogo che per giorni ha allietato il panorama degli abitanti di Pomezia e non solo. Per motivi non ancora spiegati, e dubito che una spiegazione non di comodo arriverà, va a fuoco, restando tale per giorni, una quantità immane di rifiuti la cui maggioranza pare fosse costituita da materie plastiche. Pare che da anni il deposito fosse fuori legge, ma che nessuno si preoccupi della legge fa parte della nostra ragliante itaGlianità. A parte ciò, chiunque abbia qualche nozione di chimica sa che in un intervallo di temperatura che va approssimativamente dai 400 agli 800 °C si formano diossine, una classe di sostanze organiche che annovera innumerevoli molecole diverse, e sa che, in presenza di cloro, cioè di un elemento ubiquo, si forma il più tossico tra tutti i componenti della famiglia, cioè la 2,3,7,8-tetraclorodibenzo-p-diossina. Bene: come già accadde anni fa a Treviso quando ci fu il rogo della De Longhi, per un miracolo che resta un’eccezione in campo chimico, vale a dire in un campo dove le eccezioni non possono esistere, a Pomezia di diossine nemmeno l’ombra. E l’amianto? Sì, perché, stando alle notizie uscite subito e poi cancellate, pare che un po’ di manufatti contenenti quel minerale un tempo utilissimo e sanissimo per volere del regime allora vigente ci fossero (ma non sapevamo che l’amianto è cancerogeno almeno da I secolo dopo Cristo?). Beh, neanche di quello c’è traccia. Ecco, allora, che la signora Lorenzin, ministro (?) della salute (?) tranquillizza tutti, compresi gli agricoltori che potranno mangiare e vendere in piena sicurezza i loro prodotti. Un grazie alla signora Beatrice. Comunque, nessun problema per domani: come avvenne per l’incendio di Fiumicino di cui si ricordano solo i malati che non guariscono, anche questo buffo episodio sarà freudianamente dimenticato.
Mi fermo a questi due esempi e alzo bandiera bianca: abbiamo perso. E con noi hanno perso i vincitori:  i luminari da palliata, i pennivendoli, i politici mai eletti da nessuno e i milioni di pecore con agnelli al seguito che, in piccola parte per costrizione e in gran parte per loro volontà, sono in lista per essere sacrificati.
A questo punto, in attesa di una vittoria fin troppo ovvia fatta di dolore, cioè della dimostrazione che la scienza  e la Natura non ubbidiscono agli ordini, e per tentare disperatamente di evitare quel tipo di vittoria, non resta che una possibilità. Poiché, forse facendo un atto di fede audace, non credo che tutto il popolo faccia parte del gregge o abbia volontà di restarci, occorre che qualcuno si riprenda le chiavi di casa. Insomma, ci vuole qualcuno che voglia riunire intorno a sé i cervelli funzionanti e ne sia capace. Lo so: non è facile. Non è facile perché il regime è penetrato capillarmente ovunque e anche solo informare dell’esistenza eventuale di un’intenzione simile è cosa quanto mai ardua.
Non si pensi che io, in qualche modo, mi proponga come la persona giusta: non lo sono. Non lo sono perché, prima di ogni altra considerazione, mi manca il carburante indispensabile, vale a dire la cosa più squallidamente volgare del mondo: il denaro. Già, per salvare il mondo bisogna pagare.
Non dimentichiamo la condanna dell’ex ministro della sanità De Lorenzo che incassò una tangente di ben 600 milioni di lire dall’industria farmaceutica che produceva il vaccino contro l’epatite B poi reso obbligatorio!
17795706_10213236977709672_2141940713798615688_n

18194226_1328713883871003_8861233043764930910_n
INFORMATEVI CAZZO!!!!!
vaccinazioni-pericolose-o-no_m1
 fonte https://disquisendo.wordpress.com/2017/05/19/governo-italiano-dichiara-guerra-agli-italiani/